Smart Region: tecnologie digitali per semplificare la vita

Chiedere a Siri dove trascorrere un week end nelle Dolomiti o farsi consigliare da Alexa un percorso cicloturistico alla scoperta dell’autunno altoatesino?

Sembrano ipotesi lontane, ma sono in parte già realtà grazie all'Open Data Hub dell'Alto Adige, un progetto eletto “software heritage” dall’Unesco: Un’enorme banca dati sul turismo e la mobilità locali, realizzata da diverse aziende tecnologiche coordinate dal Noi Techpark, il cui codice è attualmente impiegato per monitorare traffico, parcheggi e mezzi pubblici su diverse app sperimentali. Il progetto ha lo scopo di condividere tra i partner e gli operatori turistici tutti i dati rilevanti per l’economia altoatesina, connettendo tra loro le informazioni fornite e garantendone la qualità. Collegare tra loro informazioni precise e aggiornate facilita infatti la risposta da parte degli strumenti basati sull’intelligenza artificiale, dando allo stesso tempo più visibilità alle informazioni: dagli assistenti digitali ai navigatori, dalle mappe interattive ai motori di ricerca.

Dispositivi e tecnologie digitali sempre più diffusi, alle quali il NOI Techpark dedica uno spazio come il Free Software Lab: un punto di incontro tra Istituti di ricerca, esperti e aziende del settore informatico, dove è possibile far pratica con le tecnologie digitali più recenti, come LoRaWAN, Beacon, 5G e assistenti vocali, o interagire in progetti di R&S e realizzare nuovi prototipi software. Ma anche testare l'usabilità di applicazioni e interfacce web, ricevendo rapporti dettagliati che identificano problemi e soluzioni. Affrontare queste sfide e assistere le aziende nello sviluppo di sistemi software innovativi per entrare nel mondo “digitalizzato” è il compito che a NOI Techpark svolgiamo insieme a esperti riconosciuti e stimati dalla comunità scientifica internazionale, come la Libera Università di Bolzano, con la sua Smart Data Factory, o Fraunhofer Institute Italia.

Grazie alle attività di R&S e ai molto progetti pilota congiunti con i Comuni e la Provincia Autonoma dell'Alto Adige, offriamo terreno fertile per nuove idee imprenditoriali in questo settore. Cui diamo slancio anche attraverso appuntamenti annuali quali il NOI Hackathon e la South Free Software Conference (SFScon): un evento di richiamo europeo che fa il punto sulle possibilità offerte dal software libero come leva per favorire innovazione e efficienza. SFScon è la più longeva manifestazione di questo tipo in Italia e ha contato nell'ultima edizione almeno 400 partecipanti e oltre 40 speaker (come Josh Simmons di Google, Wolfgang Burtscher direttore del dipartimento Ricerca e Innovazione della Commissione Europea, o Martin Englund del Palo Alto Networks). A questi si aggiungono tutti i rappresentanti dei centri di ricerca altoatesini, dal Fraunhofer Italia a Eurac Research, oltre ai ricercatori della trilingue Università di Bolzano. SFScon promuove l’uso del software libero nelle infrastrutture IT come strumento per ottenere maggiore innovazione e competitività. Per iscriversi basta consultare il sito della manifestazione.

Image
Digital