Camera climatica estrema

L’infrastruttura di ricerca può simulare le condizioni climatiche più estreme della Terra per studiare la loro influenza sull’uomo, sui processi ecologici e sulla tecnologia. In diverse camere climatiche, terraXcube può essere utilizzato per studiare come l'uomo e la natura reagiscono allo stress ambientale e come queste condizioni estreme influenzano le prestazioni di materiali e prodotti. Soprattutto nei settori di ricerca della medicina d'emergenza alpina e dell'ecologia alpina, l'infrastruttura ha un valore straordinario. Per l'agricoltura e l'industria, terraXcube consente una gamma completa di scenari di prova, in particolare per i settori UAV, automobilistico e tessile. Le aziende di questi settori possono utilizzare le infrastrutture e i servizi di terraXcube per:

  • esporre grandi impianti e aggregati condizioni ambientali estremi (temperature estreme, altezze, pioggia, vento, radiazione solare) per testarne le prestazioni in condizioni ambientali particolarmente severe;
  • osservare la reazione dei propri prodotti a particolari condizioni ambientali prima di avviare il processo di certificazione;
  • raccogliere dati di alta qualità attraverso test funzionali e di performance, che sono il punto di partenza per l'ulteriore sviluppo del prodotto;
  • ricevere un sostegno qualificato nella fase di R&S.

TerraXcube persegue un nuovo approccio multidimensionale nella simulazione ambientale. È centrale la concezione delle due diverse aree di simulazione, i Cube: il cuore del Large Cube è la sala di simulazione da 360 m3, adatta a prove complesse con esigenze di spazio e requisiti tecnici elevati. Le condizioni ambientali più estreme della Terra possono essere simulate qui: dalla cima dell'Everest alle zone più calde del deserto. Il Small Cube è costituito da quattro camere di simulazione indipendenti e più piccole, ognuna delle quali può simulare le condizioni ambientali della regione alpina.

Visita il sito

Settore tecnologico
Istituto di ricerca