1 min read
Arianna Visentini: Smart working, da «duty» a «choice»
Condividi questa news
WhatsappWhatsapp
2020-04-30 2020-04-30 30 Aprile 2020
1 min read
Image

Siamo stati tutti costretti a lavorare da casa in questi giorni, ma ora che ci apprestiamo a tornare alla normalità dobbiamo ricordarci che c’è smart working e smart working. Lo «smart working as a choice» e quello «as a duty», due approcci fondamentalmente diversi che implicano rapporti differenti tra datori di lavoro e collaboratori. A spiegarlo, nel suo webinar, è Arianna Visentini, fondatrice di Variazioni, esperta di lavoro agile e life-work balance. Passare dal lavoro smart obbligato a quello per scelta, come dovremo fare alla fine dell’emergenza coronavirus, implica un diverso rapporto di fiducia all’interno dell’azienda ma comporta anche un miglioramento della qualità della vita e un tangibile ritorno economico, sociale e ambientale, per tutti.

SCHEDA

Arianna Visentini è presidente e socia fondatrice di Variazioni, società di consulenza specializzata in welfare aziendale e work life balance, con un focus sull’innovazione dei processi organizzativi anche in ottica di flessibilità e smart working. Ha un’esperienza pluriennale come consulente e formatrice sia nel campo delle strategie aziendali per il welfare, che nella creazione e animazione di reti territoriali.

Condividi questa news
WhatsappWhatsapp