5 min read
Auto a guida autonoma e taxi volanti – la mobilità del futuro
Condividi questa news
WhatsappWhatsapp
2020-02-13 2020-01-31 31 Gennaio 2020 - Marion Egger
5 min read
Image

Parte 2 | La svolta nel settore automobilistico

Il CES 2020, la più grande fiera di innovazione tecnologica al mondo, a Las Vegas racconta le tendenze tecnologiche dei prossimi dieci anni. La scorsa settimana abbiamo parlato di case interconnesse e città intelligenti. In questa puntata tutto gira intorno ai cambiamenti nell’industria automobilistica, un settore importantissimo per l’Alto Adige che impiega 16mila persone e genera il 50% dell’export locale. Nella prossima (e ultima) puntata vi presenteremo le tendenze più interessanti nel settore della sostenibilità tecnologica.

Quasi nessun altro settore sta vivendo una trasformazione così radicale come l’industria automobilistica. Questo è diventato più che chiaro anche al CES 2020. Come negli anni passati, il padiglione automobilistico è stato uno dei più importanti di questa fiera. Oltre alle più grandi case automobilistiche del mondo, si sono presentati numerosi fornitori come Bosch e Continental, nonché piccoli produttori, fornitori di ricambi e start-up. La massiccia presenza di queste aziende al CES ha sottolineato inequivocabilmente la seguente tendenza: non conta più tanto l’auto in sé, quanto piuttosto la tecnologia che c'è dietro e dentro. 

La vera sfida di questo settore sta nell’implementazione e nell’ulteriore sviluppo delle cosiddette tecnologie C.A.S.E., acronimo di “connected, autonomous, shared and electrified” (connesso, autonomo, condiviso ed elettrico). Iniziamo dall’ultimo concetto: “electrified”. I veicoli elettrici ormai non sono più una novità, ma con il 2020 siamo giunti a un punto di svolta dove l’elettrificazione della mobilità ha senso. Questo è il decennio dell’elettrificazione di veicoli di ogni tipo, non solo delle auto. Ciò che è stato mostrato al CES di quest’anno sono innovazioni nelle tecnologie delle batterie e nei sistemi di ricarica. Mercedes, ad esempio, ha creato per il CES la concept car Vision Avtr, un’auto astratta, dall’aspetto futuristico, per la quale verranno usate delle nuove batterie organiche compostabili. Anche in Alto Adige un’azienda si è messa in gioco, sviluppando una stazione di ricarica ed è Alpitronic. La società è partita come start-up nel nostro Start-up Incubator e ora sviluppa elettronica di potenza per le macchine elettriche del futuro; l’ultima novità è che ha lanciato sul mercato l’Hypercharger, una stazione di ricarica ultraveloce.

CES_Daimler

Un nuovo modo di pensare nell’industria automobilistica

Con l’aumento della popolazione mondiale e dell’urbanizzazione si sta affermando sempre di più anche la prossima tendenza: in futuro avremo sempre meno macchine e al loro posto utilizzeremo più modalità di trasporto combinate. I vantaggi sono evidenti: meno traffico, soprattutto nelle aree urbane, meno posti auto e di conseguenza più spazi verdi che a loro volta garantiranno una regolazione delle temperature e un clima migliore per la popolazione. Concetti come il car-sharing e Uber sono già conosciuti. Questo è solo l’inizio. Al CES erano molto quotati temi come la mobilità multimodale, ossia l’utilizzo di diversi tipi di mezzi di trasporto e la creazione delle relative piattaforme, così come la mobilità on-demand, cioè i viaggi su richiesta. Daimler ha presentato il suo servizio di ride-hailing “Free Now” e il concetto di car-sharing “Share Now”. Hyundai si è spinta oltre: l’azienda automobilistica sudcoreana ha presentato alla fiera un prototipo di taxi aereo che offre quattro posti per i passeggeri e uno per il pilota e sarà gestito tramite il fornitore di servizi di trasporto Uber. La visione che si nasconde dietro a questo progetto? Spostare il traffico dalle strade all’aria, liberando così le città. Tutto ciò sarà naturalmente elettrico e di conseguenza silenzioso.

Il concetto “sharing” ci porta inevitabilmente alla prossima tendenza riguardante la mobilità del futuro: la guida autonoma. Le auto completamente autosufficienti non sono ancora arrivate al punto di poter circolare sulle strade incustodite, ma al CES 2020 le aziende automobilistiche di tutto il mondo hanno mostrato quanto siano vicine alla realizzazione di questa promessa fatta ormai anni fa. Yandex (il più grande motore di ricerca russo) è arrivato a Las Vegas con una Toyota Prius automatizzata che guidava i visitatori per le strade della città senza autista di riserva al volante. La BMW ha presentato invece la sua BMW i Interaction Ease, un abitacolo smart con sedili, realizzata con interni che mostrano come saranno i modelli autonomi del futuro. L’intero parabrezza funge da head-up display in grado di fornire informazioni non solo attraverso la voce e i gesti, ma anche monitorando lo sguardo dei passeggeri. Ma in futuro le auto non saranno gli unici mezzi ad essere in grado di guidare autonomamente; la guida autonoma è particolarmente interessante anche per mezzi di trasporto pubblici come i minibus. Lo scorso novembre, anche NOI Techpark ha provato ad utilizzare un minibus senza autista per le strade di Merano per testare la tecnologia e sensibilizzare la popolazione. La sicurezza, infatti, è una questione molto importante. 

Arriviamo dunque al quarto pilastro della mobilità del futuro: la connessione. È essenziale che i veicoli si connettano in tempo reale con gli altri utenti della strada e l'infrastruttura circostante per poter prendere delle decisioni in modo migliore e più sicuro. In questo ambito ci si può aspettare grandi passi avanti con la copertura nazionale di una rete di comunicazione mobile 5G. Grazie alla connessione possono essere ottenuti dati sul traffico e sui comportamenti dei singoli utenti della strada, che a loro volta contribuiranno al miglioramento della sicurezza. Una tematica che interessa anche i nostri esperti del settore tecnologico Digital. Nel progetto BrennerLEC ad esempio, viene sviluppato un modello previsionale delle condizioni meteorologiche, ambientali e viabilistiche che sarà alla base di un sistema proattivo di supporto alle decisioni per la gestione ottimale dei flussi veicolari.

Nella prossima (e ultima) puntata della nostra trilogia sulle tendenze più spettacolari del nuovo decennio vi presentiamo le innovazioni per un mondo migliore. Parola d’ordine: sostenibilità. Non perdetevela. 

SCHEDA TECNICA

Il CES, è il palcoscenico globale dell’innovazione nel settore della tecnologia e dell’elettronica di consumo. Ogni anno, a gennaio aziende e start-up presentano a Las Vegas le loro novità e le tendenze del futuro di “Internet of Things”, “Blockchain”, “Health and Wellness”, “Robotics”, “Automotive” e tanto altro. Con una media di 170.000 visitatori, oltre 5.500 espositori e numerose conferenze e presentazioni, il CES è uno degli eventi più importanti al mondo per quanto riguarda i trend tecnologici e l’innovazione.  Quest’anno ha partecipato al CES anche una start-up dell’Alto Adige, Chap SDK, che fa parte dello  Start-up Incubator di NOI Techpark.

Condividi questa news
WhatsappWhatsapp