L'istituto di ricerca che ha reso l’Alto Adige un modello per agricoltura, salute delle piante, qualità alimentare e autenticazione dell’origine geografica

Il Centro sperimentale di Laimburg - fondato nel 1975 e principale istituto di ricerca dell'Alto Adige per l'agricoltura e la qualità del cibo - esporta le sue ricerche a livello mondiale. L’allergia ai pollini? Si può curare con un prodotto altoatesino doc come la mela, sfruttando un «errore» del sistema immunitario. Gli errori vanno invece evitati nei sistemi irrigui, perché l'acqua è sempre più una risorsa fondamentale che non va sprecata. Sono solo alcuni degli oltre 350 progetti a cui lavora il Centro di Sperimentazione Laimburg con i suoi 11 laboratori, impegnando oltre 150 persone sull’intera catena della produzione degli alimenti, dalla coltivazione al prodotto finito.

Al NOI Techpark si sviluppano anche nuove collaborazioni: sia del Centro con le aziende private (che in alcuni casi possono condividere i laboratori con Laimburg) sia con gli altri istituti di ricerca. Con il progetto “Analisi isotopica”, il Centro di Sperimentazione Laimburg, Eco-Research e la Libera Università di Bolzano sviluppano una tecnica che permette di provare l‘origine geografica di un prodotto agricolo. E sono in procinto di estendere le loro ricerche anche ad altri comprensori italiani e mondiali, mettendo a disposizione del mercato un metodo affidabile che garantisca la provenienza geografica di qualunque prodotto agricolo.

Il Laboratorio per aromi e metaboliti conduce ricerche nel campo della qualità alimentare e della salute delle piante. Per mezzo dei più moderni metodi di analisi vengono identificati e quantificati gli elementi naturalmente presenti nei prodotti agricoli (mele, succhi di mela, uve, vini, formaggi, latte) e nelle componenti delle piante (foglie, radici, legno). Insieme alla Libera Università di Bolzano, il Centro di sperimentazione gestisce inoltre il Laboratorio NMR, nel quale, per mezzo della spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (Nuclear Magnetic Resonance – NMR), è possibile verificare e autentificare l’origine dei prodotti agricoli. Gran parte della ricerca nel settore alimentare avviene anche direttamente nella sede centrale di Vadena, che funge da ramo esterno del NOI Techpark nel settore tecnologico alimentare.

ANNI DI ATTIVITÀ DEL CENTRO

44

PROGETTI REALIZZATI ANNUALMENTE

350